Sarah Baratta

Sarah Baratta, soprano di Cosenza, nel 2010 si diploma in canto lirico presso il Conservatorio “E. Duni” di Matera. Si perfeziona sotto la guida del soprano Gabriella Tucci.

Ha iniziato l’attività artistica all’età di 12 anni entrando a far parte del coro di voci bianche “Città di Cosenza” della Cooperativa Orchestrale Calabrese. Dal 2006 ad oggi è protagonista di numerosi concerti da solista organizzati da note associazioni tra cui: Roma Sinfonietta, Rotary Club Albalonga di Albano Laziale, Officina delle Muse di Rocca di Mezzo (AQ), Associazione Mozartiana K80 di Lodi, ARSlab Italy di Città della Pieve (PG), Associazioni “Dante Alighieri” e “Quintieri”, Unione Nazionale Ufficiali in Congedo e Circolo Ufficiali di Cosenza, Croce Rossa Italiana, “Lions Club” (Cosenza e Potenza). Nel dicembre 2006, presso il Teatro “Rendano”, nell’ambito del Moz’Art Project, ha interpretato il ruolo del Secondo Genio nell’opera Il flauto magico di Mozart. Nello stesso mese è stata vincitrice del III premio al I Concorso Internazionale di Musica da Camera dell’Associazione “R. Leoncavallo” di Montalto Uffugo (CS).

Nell’ambito della 49a, 50a e 51a stagione lirica del Teatro “Rendano” ha cantato come artista del Coro Lirico diretto da Pasquale Menchise. Ancora presso il Teatro “Rendano”, è stata protagonista come solista del Concerto di Capodanno 2008, diretto da Jader Bignamini, al fianco del celebre interprete di operetta Elio Pandolfi e del tenore Roberto Covatta. Nell’aprile del 2008 ha debuttato nel ruolo di Liù nella Turandot allestita presso il Teatro Comunale di Carpi (MO) sotto la regia di Paolo Panizza e la direzione di Pietro Mianiti. Nel marzo 2009 si è esibita in qualità di soprano solista nello Stabat Mater di G. Rossini, concerto indetto dall’Orchestra Sinfonica dell’Europa Unita e diretto da Walter Proost, presso il Duomo di Albano Laziale. Finalista del “Tour de Chant 2010” in onda su RaiUno all’interno della trasmissione “Domenica In”, nel luglio 2010 ha interpretato il ruolo della protagonista Delia nella prima rappresentazione moderna dell’opera Mameli di R. Leoncavallo, allestita dall’Associazione “Leoncavallo” di Montalto Uffugo (CS), con successive repliche nel 2011. Nel giugno 2011 è vincitrice del I Premio assoluto nel Concorso Internazionale di Canto Lirico, organizzato dall’ANCI e dall’Associazione “Leoncavallo” di Montalto Uffugo (CS). Dal 2011 collabora con la “Libero” Ensemble (Sandro Meo, violoncello, Fabio Pepe, flauto e Sara Simari, arpa). Nel dicembre 2011 ha debuttato nel ruolo di Anna in Nabucco di G. Verdi, opera inaugurale della 52a Stagione Lirica del Teatro “Rendano”, diretto da Giovanni Pelliccia, regia di Luigi Travaglio, riscuotendo unanimi successi di critica e di pubblico. Da febbraio 2012 è stata impegnata nel cartellone dell’As.Li.Co. nel ruolo della Regina della notte per il Flauto magico diretto da Salvatore Percacciolo, regia di Stefano Pintor, che l’ha vista protagonista fino a giugno di un’ampia tournée (41 recite) presso numerosi teatri lirici della penisola (Como, Brescia, Bolzano, Bologna, Morbegno, Cremona, Reggio Emilia, Pavia, Forlì, Fermo, Roma, Milano, Mantova, Novara, Lecco, Varese, Bergamo). Dal 2011 è soprano solista nei concerti dell’Orchestra Sinfonica “Stabile” della Basilicata diretta da P. Menchise. Dal 2013 Sarah Baratta frequenta Opera Studio presso l’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, con i docenti Renata Scotto, Anna Vandi e Cesare Scarton. Riceve inoltre il XV Premio “Galarte” 2013–Musica Classica e Opera dall’Associazione “Club della Grafica”, Rende (CS). Nell’agosto 2013, vince il II Premio al XIV Concorso Lirico Internazionale “Leoncavallo” di Montalto Uffugo (CS). Nel 2014 incide la colonna sonora di uno spot composto da F. Perri per l’Ala Vaticana della Biennale di Venezia 2015. Nell’agosto 2014 è Violetta per La Traviata di Verdi diretta da P. Menchise, regia di Aldo Sicurella, presso il Parco della Grancìa, Potenza. A settembre è protagonista del recital “Romeo e Giulietta nell’opera” accompagnata al pianoforte da Luca Bruno, nell’ambito della VI edizione del Reate Festival indetta dalla Fondazione Flavio Vespasiano presso l’Auditorium “Varrone” di Rieti. A novembre 2014 è Berta ne Il barbiere di Siviglia di Rossini diretto da Luca Ferrara, regia di Rosetta Cucchi, per la Stagione Lirica 2014 del Teatro “Rendano”. Nel maggio 2015 è soprano solo nello Stabat Mater di Rossini prodotto dall’Ente Luglio Musicale Trapanese. A luglio e agosto 2015 è Frasquita nella Carmen di Bizet presso il Teatro Antico di Taormina. A ottobre 2015, Sarah Baratta ha debuttato il ruolo di Suzel ne L’amico Fritz di Mascagni, una produzione del Teatro Lirico di Piacenza, in co-produzione con Modena e Ravenna (recite nel gennaio 2016), per la regia di Leo Nucci e la direzione musicale di Donato Renzetti. A gennaio 2016 ha inoltre interpretato il ruolo di Dorinda in Orlando di Handel presso il Teatro Sangiorgi di Catania, diretto da Francesco Sergio Fundarò, per la regia di Maria Paola Viano. Nell’agosto 2016 Sarah Baratta è stata l’unico soprano scelto per le esibizioni all’interno del Pacific Music Festival 2016 di Sapporo, Giappone, per la direzione artistica di Valery Gergiev. A novembre 2016 ritorna come Regina della notte nel Flauto magico del Teatro del Giglio di Livorno, con repliche nel gennaio 2017 a Pisa e Lucca, diretto da Dejan Savic per la regia di Lindsay Kemp. Alla carriera artistica Sarah Baratta ha affiancato gli studi universitari, laureandosi in Biologia presso l’Università della Calabria (2013).